Home Notizie Ecm, un altro passo verso l’accreditamento dei provider
Ecm, un altro passo verso l’accreditamento dei provider PDF Stampa E-mail
Scritto da Segreteria   
Giovedì 19 Agosto 2010 13:32
Il Consiglio dei Ministri, lo scorso 23 luglio, ha approvato il Decreto che recepisce l’accordo Stato-Regioni del novembre scorso. Nel provvedimento si affida la valutazione dei provider alla Commissione nazionale Ecm o alle Regioni, in base all’ambito di attività degli organizzatori. Agli stessi enti spetterà poi la vigilanza sugli erogatori per verificare la permanenza dei requisiti e soprattutto la qualità dei corsi proposti. Tra gli altri temi confermati nel Decreto, spiccano poi la formazione a distanza, gli obiettivi formativi, la valutazione della qualità del sistema Ecm e le attività formative realizzate all’estero. Resta, infine, confermato il debito che ogni professionista della Sanità deve soddisfare per il triennio 2008-2010: 150 crediti Ecm per una media di 50 all’anno (con un minimo tollerato di 25 e un massimo di 75). Nel conteggio possono essere inseriti anche 60 crediti tra quelli acquisiti negli anni precedenti, mediante un’autocertificazione che sarà poi sottoposta al vaglio della Commissione Nazionale Ecm.
Ultimo aggiornamento Martedì 12 Luglio 2011 16:21